Conservatorio di Musica di Cagliari
Dipartimento di Nuove Tecnologie e Linguaggi Musicali
Scuola di jazz

Saxofono jazz docente : Achille Succi
download piano di studio

 
programma I annualità Esame I annualità
  • Suono e articolazione:
    • Il “suono” del sassofono nel Jazz: panoramica sulle diverse sonorità, sia da un punto di vista storico che stilistico. Differenze tra l’impostazione “classica” e quella jazzistica, tipi di imboccature e modelli in uso oggi.
    • Apprendimento di una corretta articolazione jazzistica e lavoro sul ritmo e sulla qualitá del suono (emissione, armonici, intonazione): Note lunghe: crescendo-diminuendo su tutto il registro. Armonici: almeno fino al quinto. Articolazione: pronuncia “staccato-legato”, corretto posizionamento degli accenti, “ghost notes”, mordenti.
  • Esercizi sulle scale maggiori e minori:
    • Scale maggiori e minori (melodiche ascendenti, armoniche) sia su tutto il registro che inserite in un contesto di durata nella battuta.
    • Salti di terza ascendenti, discendenti e “spezzati”.
    • Triadi e quadriadi.
  • Esercizi di lettura:
    • Lettura di brani della tradizione Jazzistica, corretta interpretazione e pronuncia.
    • Lettura e studio di “Patterns” presi da trascrizioni effettuate durante l’anno e dal libro “patterns for jazz” di Jerry Cocker.
    • Studi di lettura, livello principiante ed intermedio, di Lennie Niehaus.
    • Studi preliminari del “Creative reading studies for saxophone” di Joe Viola.
    • Studi ritmici vari proposti dall’insegnante.
  • Improvvisazione:
    • esercizi per una prima costruzione della frase.
    • "guide tones"
    • improvvisazione “tematica”
    • approcci diatonici e cromatici.
  • Lista dei brani:
    • forme del “blues” classico e dei principali standards jazz:
      • All Blues
      • All The Things You Are
      • Autumn Leaves
      • Blue Monk
      • In a sentimental Mood
      • On Green Dolphin Street
      • Recordame
      • So What
      • Someday My Prince Will Come
      • etc...
  1. Verifica elementi di tecnica strumentale:
    • Esecuzione, a scelta del docente, di uno studio dal n. 1 all1 11 tratto dal libro Lenny Niehaus - Jazz Conception for Saxophone Vol.2 Intermediate
    • Esecuzione di un esercizio, a scelta del docente, dalle prime 11 pagine del Viola “creative reading studies for saxophone".
    • Esecuzione di scale maggiori e relativi arpeggi
    • salti di terza diatonici sulla scala maggiore ascendenti, discendenti e spezzati, in quarti e ottavi,
    • Esecuzione di arpeggi a quattro parti, scelta del docente, delle principali specie di accordi.
  2. Verifica di elementi di improvvisazione:
    • Improvvisazione su forme semplici (blues, standard) e studio di progressioni “II-V-I”. improvvisazione “tematica” applicando i parametri di pronuncia, fraseggio, approccio cromatico e diatonico, orizzontale e verticale appreso durante l’anno.
    • Esecuzione di una trascrizione di un assolo concordato con l’insegnante, tra quelle studiate durante l’anno, sia edita che fatta dal candidato, sulla registrazione del brano.
  3. Verifica lettura a prima vista:
    • lettura di un frammento musicale (di almeno 8 misure) comprendente elementi caratterizzanti del programma svolto durante l’anno;
programma II annualità Esame II annualità
  • Suono e articolazione:
    • Prosecuzione del lavoro sul ritmo e sulla qualitá del suono svolto durante il primo anno(emissione, armonici, intonazione):
    • Note lunghe: esercizi per aumentare il controllo del suono e dell’intonazione.
    • Armonici: esercizi tratti da “Top tones for the saxophone” di S.Racher.
    • Articolazione: prosecuzione del lavoro intrapreso durante il primo anno: pronuncia “staccato-legato”, corretto posizionamento degli accenti, “ghost notes”, mordenti.
  • Esercizi sulle scale maggiori e minori:
    • Prosecuzione degli studi sulle scale maggiori e minori (melodiche ascendenti, armoniche) sia su tutto il registro che inserite in un contesto di durata nella battuta.
    • Triadi ascendenti, discendenti e “spezzate”.
    • Triadi e quadriadi.
    • Arpeggi dei principali accordi a quattro parti su tutto il registro.
    • Scale modali ed esercizi.
    • Scale simmetriche: diminuite, esatonali, aumentate; primi esercizi tratti da Sigurd Racher: “158 saxophone exercices”
    • Studi di tecnica su intervalli cromatici.
  • Esercizi di lettura e trascrizione:
    • Lettura di brani della tradizione Jazzistica, corretta interpretazione e pronuncia.
    • Lettura e studio di “Patterns” presi da trascrizioni(1) effettuate durante l’anno e dal libro “patterns for jazz” di Jerry Cocker.
    • Studi di lettura, livello intermedio, di Lennie Niehaus.
    • Prosecuzione degli studi preliminari del “Creative reading studies for saxophone” di Joe Viola e primi studi.
    • Studi ritmici vari proposti dall’insegnante.
  • durante l'anno è richiesta almeno una trascrizione gia edita (C.Parker, S.Stitt, Chet Baker, ecc…) ed una trascrizione effetuata dall’allievo.
  • Improvvisazione:
    • Esercizi per la costruzione della frase.
    • "guide tones"
    • Improvvisazione “tematica”, verticale ed orizzontale.
    • Approcci diatonici e cromatici.
  • lista dei brani:
    • Stella by starlight
    • Footprints
    • Anthropology
    • Alone together
    • Body and soul
    • Just friends
    • Falling grace
    • Maiden voyage
    • Periscope (b.Evans)
    • Stablemates
    • Black Narcissus
    • Have you met miss jones
    • etc...
  1. Verifica elementi di tecnica strumentale:
    • Esecuzione, a scelta del docente, di uno studio dal n. 12 al 25 tratto dal libro Lenny Niehaus - Jazz Conception for Saxophone Vol.2 Intermediate
    • Esecuzione di un esercizio, a scelta del docente, dalle prime 23 pagine del Joe Viola “creative reading studies for sax”
    • Esecuzione di scale minori e relativi arpeggi
    • Triadi diatoniche sulla scala maggiore ascendenti, discendenti e spezzate, in quarti e ottavi
    • Esecuzione di arpeggi a quattro parti, scelta del docente, delle principali specie di accordi.
    • L’allievo dovrà dimostrare inoltre di conoscere sullo strumento le principali scale simmetriche: diminuite, esatonali ed aumentate
  2. Verifica di elementi di improvvisazione:
    • Improvvisazione sia “tematica” che sulla struttura armonica su un brano del repertorio tradizionale jazzistico (standard), applicando i parametri di pronuncia, fraseggio, approccio cromatico e diatonico, orizzontale e verticale appreso durante l’anno.
    • Esecuzione di una trascrizione di un assolo concordato con l’insegnante, tra quelle studiate durante l’anno, sia edita che fatta dal candidato stesso.
  3. Verifica lettura a prima vista:
    • lettura di un frammento musicale (di almeno 8 misure) comprendente elementi caratterizzanti del programma svolto durante l’anno;
programma III annualità Esame III annualità
  • Suono e articolazione:
    • Prosecuzione del lavoro sul ritmo e sulla qualitá del suono svolto durante gli anni precedenti (emissione, armonici, intonazione):
      • Note lunghe: esercizi per migliorare il controllo del suono e dell’intonazione.
      • Armonici: esercizi tratti da “Top tones for the saxophone” di S.Racher.
      • Articolazione: prosecuzione del lavoro intrapreso durante il primo e secondo anno: pronuncia, articolazione, “ghost notes”, mordenti, cenni di tecniche contemporanee (multiphonics, quarti di tono, alternate fingerings, sovracuti, ecc…)
  • Esercizi sulle scale maggiori e minori:
    • Prosecuzione degli studi sulle scale maggiori e minori (melodiche ascendenti, armoniche) sia su tutto il registro che inserite in un contesto di durata nella battuta.
    • Quadriadi ascendenti, discendenti e “spezzati”.
    • Salti di quarta, diatonici e cromatici.
    • Triadi e quadriadi.
    • Arpeggi degli accordi a quattro parti su tutto il registro, evidenziando le specifiche estensioni
    • Scale modali, derivate anche dalle scale minori melodiche ed armoniche, e relativi esercizi tecnici.
    • Scale simmetriche: diminuite, esatonali, aumentate; ulteriori esercizi tratti da Sigurd Racher: “158 saxophone exercices” e altri suggeriti dall’insegnante.
    • Studi di tecnica su intervalli cromatici.
  • Esercizi di lettura e trascrizione:
    • Lettura di brani della tradizione Jazzistica, corretta interpretazione e pronuncia.
    • Lettura e studio di “Patterns” presi da trascrizioni effettuate durante l’anno
    • Studi di lettura, livello avanzato, tratti da “creative reading studies for saxophone” di Joe Viola
    • Studi ritmici vari proposti dall’insegnante.
      Durante l'anno è richiesta almeno una trascrizione già edita ed una effettuata dall’allievo.
  • Improvvisazione:
    • Esercizi per la costruzione della frase: ulteriori trasformazioni melodico/ritmiche ad integrare il lavoro svolto nei due anni precedenti.
    • Mascheramenti, riarmonizzazioni.
    • Guide tones" ed estensioni degli accordi
    • Approcci diatonici e cromatici.
    • Improvvisazione “tematica”, verticale ed orizzontale.
  • per il terzo anno i pezzi che verranno affrontati saranno in linea di massima brani tonali elaborati e a modalità complessa, come Giant steps, Falling grace, Round midnight, Naima, Blue in green, Chega de saudade, Very early, I mean you, Moment’s notice, Infant eyes, ecc…
    1. Verifica elementi di tecnica strumentale:
      • Esecuzione, a scelta del docente, di un esercizio tratto da “158 saxophone exercices” di Sigurd Rascher.
      • Esecuzione di un esercizio, a scelta del docente, dei primi 4 studi del Joe Viola “creative reading studies for sax”
      • Esecuzione di modi delle scale minori e relativi arpeggi
      • Quadriadi diatoniche sulla scala maggiore ascendenti, discendenti e spezzate, in quarti e ottavi,
      • Esecuzione di arpeggi a quattro e più parti, scelti del docente, delle principali specie di accordi con le loro estensioni
      L’allievo dovrà dimostrare inoltre di conoscere sullo strumento le principali scale simmetriche: diminuite, esatonali ed aumentate, ed essere in grado di utilizzarle nelle progressioni armoniche.

    2. Verifica di elementi di improvvisazione:
      • Improvvisazione sia “tematica” che sulla struttura armonica su un brano del repertorio jazzistico a modalità complessa, eventuale mascheramento e riarmonizzazione, ed applicando le tecniche improvvisative apprese durante l’anno.
      • Esecuzione di una trascrizione di un assolo concordato con l’insegnante, tra quelle studiate durante l’anno, sia edita che fatta dal candidato stesso.

    3. Verifica lettura a prima vista:
      • lettura e trasporto di un frammento musicale (di almeno 8 misure) comprendente elementi caratterizzanti del programma svolto durante l’anno;